Quelli del titolo sono solo alcuni degli aspetti da considerare quando si decide di aprire uno store online.

E poi ancora strategie di marketing, customer experience, aggiornamento continuo sui trend.

Qualora non fosse ancora chiaro, il commercio elettronico è roba seria e non può essere un esperimento low cost da mettere in piedi “così, giusto per provare”.

È questo sicuramente uno dei motivi per cui si consiglia spesso di affidarsi ad un esperto con il quale fare una serie di valutazioni preliminari sulle opportunità di mercato del proprio prodotto – e quindi del proprio e-commerce – e poi sviluppare in seguito una strategia di marketing a lungo termine.

Daniele-Rutigliano
Daniele Rutigliano

Ne parliamo oggi con Daniele Rutigliano, esperto e-commerce e consulente da da molti anni, fondatore della web agency Aproweb, docente alla School of Management dell’Università LUM di Casamassima (BA) e autore del libro “Ecommerce vincente” (Hoepli).

   1) Daniele, ci potresti fare una piccola panoramica su quali sono le tendenze in ambito eCommerce che possiamo aspettarci dal 2017?

Sempre più venditori cercano di avvicinarsi ai mercati esteri (in particolare Cina e Russia), riscontrando però difficoltà sul budget minimo per gli investimenti, lingua e cultura

2) Quali sono gli elementi imprescindibili da includere nel business plan di un e-commerce?

Le analisi. Prima e dopo. Prima di avviare un eCommerce e dopo averlo lanciato, per misurare i risultati. Inoltre è importante avere una strategia chiara di dove si vuole arrivare e come.

Infine ritento che la figura di un consulente ecommerce sia oggi imprescindibile come quella di un commercialista o di un avvocato.

 3)  Customer service e e-commerce: la rapida crescita degli acquisti on-line impone oggi store on line di attuare continuamente una serie di strategie volte alla soddisfazione del cliente  (Customer Satisfaction) per garantire la migliore customer experience. Quali consigli dai in quest’ambito?

Il cliente è “viziato” dai big (Amazon, YOOX ecc). Vuole sconti, precisione e velocità di consegna. Il cliente deve essere coccolato con coupon, assistenza telefonica, guide e tutto ciò che necessita.

4) Tre tool che ritieni indispensabili per una strategia e-commerce vincente

Oltre agli Analytics serve un software di analisi SEO (come SeoZoom e SemRush), uno di monitoraggio del server (Pingdom) e un altro per la gestione del data entry semplificato.

5) Social commerce: è quel fenomeno, legato all’evoluzione degli e-commerce, che riguarda gli scambi online che usano mezzi di comunicazione sociale e aiutano la vendita e l’acquisto di beni e servizi attraverso contributi ed interazioni sociali.

In che modo questo fenomeno impatta sulla “vita” degli e-commerce?

Dipende molto dal prodotto venduto: per i prodotti emozionali (cibo, moda, ecc…) i social sono vitali; per altri non hanno impatti sulle vendite dirette ma aiutano le aziende a scoprire trend e a comunicare meglio con i propri clienti.

Ringraziamo Daniele Rutigliano per la sua disponibilità, siamo sicuri trarrete spunto dai suoi consigli.

Se invece vi interessa approfondire la questione assistenza clienti per e-commerce, allora non potete perdervi questo fantastico software!

Valentina Mangia

Post correlati